Come accedere ai benefici fiscali del piano industria 4.0 nel 2023

Digitalizzare l’azienda in ottica 4.0 al fine di gestire e monitorare ogni fase del processo produttivo ed organizzativo del tuo studio dentistico.

Si parla tanto di investimenti 4.0 ma non tutti ne conoscono i benefici fiscali. Quando si parla di beni strumentali si intende l’insieme di prodotti materiali e immateriali (software o licenze) utilizzati dalle imprese e dai professionisti con l’obiettivo di ottimizzare l’efficienza produttiva.

I beni strumentali 4.0 a differenza dei primi hanno il requisito dell’interconnessione, sono beni connessi alla trasformazione digitale e tecnologica come ad esempio i software che agevolano l’interfaccia uomo-macchina e le soluzioni automatizzate

Il software gestionale e i benefici fiscali

La nuova Legge di Bilancio  prevede la proroga del credito di imposta agevolazioni fiscali 4.0, a condizioni e percentuali diverse però rispetto agli anni precedenti. A partire dal 2023, infatti, le quote del credito di imposta per investimenti 4.0 prevedono una progressiva diminuzione:

Credito di imposta per beni strumentali materiali nel periodo 2023-2025:

  • 20%del costo per investimenti fino a 2,5 milioni di euro
  • 10% del costo per investimenti oltre 2,5 milioni e fino a 10 milioni di euro
  • 5%del costo per investimenti oltre 10 milioni e fino a 20 milioni di euro

Credito di imposta per beni strumentali immateriali

  • 20%se acquisto effettuato nel 2023
  • 15%se acquisto effettuato nel 2024
  • 10%se acquisto effettuato nel 2025

DentalOpera è una soluzione di cloud computing che puoi far rientrare nel tuo progetto di digitalizzazione.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di avvenuta interconnessione dei beni, e non concorre alla formazione del reddito nonché della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive. Le imprese che si avvalgono del credito d’imposta beni 4.0 effettuano una comunicazione al Ministero dello sviluppo economico.

Le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni normative.

DentalOpera rientra nelle agevolazioni riservate al settore odontoiatrico